Indovinelli siciliani - AGFG - Di tutto, di più

AGFG
Logo AGFG
Logo AGFG
AGFG
AGFG
AGFG
AGFG
Vai ai contenuti

Indovinelli siciliani

La sicilia e le sue province


Se vuoi la soluzione degli indovinelli clicca QUI e scrivi:
"Vorrei la soluzione dell'indovinello N°" specificando il numero di cui vuoi la risposta (max 3 per volta).
Se invece vuoi inserire un indovinello allora clicca QUI e compila il modulo che si aprirà.

NOTA: se non riceverai risposte entro una settimana, ti prego di rimandare la richiesta. Grazie.



Tengo a precisare che questi indovinelli non sono solamente il frutto di una ricerca personale, ma anche il contributo di alcuni lettori che me li hanno gentilmente inviati e che per motivi di privacy non sono qui menzionati.


Se qualcuno è menzionato è perchè mi ha dato espressamente il consenso. Ringrazio queste persone e quanti volessero contribuire a questa raccolta.

1
Mi ni vaju masculu e tuornu fimmina
Me ne vado maschio e torno femmina

2
Mi scantu a pigghialla, mi scantu a lassalla, ci tagghiu 'a testa, ci tagghiu 'a cura e dintra ci truovu'na bedda signura
Ho paura a prenderla, ho paura a lasciarla, ci taglio la testa, ci taglio la coda e dentro ci trovo una bella signora

3
Nun mi tuccari ca ti fazzu mali, fammi spuggjiari ca ti fazzu arricriari
Non mi toccare che ti faccio male, fammi spogliare che ti faccio divertire

4
È tunnu e nunn'è munnu, è russu e nunn'è fuocu, è virdi e nunn'è lauru, è jacqua e nun si vivi
È rotondo ma non è il mondo, è rosso ma non è il fuoco, è verde ma non è alloro, è acqua ma non si beve

5
Cc'è 'na cosa fatta a rosa, rosa nunn'è, anzertimi cchi è
C’è una cosa a forma di rosa, rosa non è, indovina cos’è

6
Don Lucianu don Lucianu, cchi faciti nta 'stu cianu? Nun manciati e nun viviti e cciù luoncu vi faciti
Don Luciano, don Luciano, cosa fate in questo spiazzale? Non mangiate e non bevete e più alto vi fate

7
Nunn'è mari e fa l'unna, nunn'è piecura e si tunna, nunn'è puorcu e havi i 'nziti
Non è mare e fa l’onda, non è pecora e si tosa, non è maiale ed ha i peli

8
Mmienzu l'anchi rà massara c'è 'na cosa ca cala e 'cciana. Bedda Matri rà Nunziata nunn'è cosa malaccriata
In mezzo alle gambe della massaia c’è una cosa che sale e scende. Santa Madre dell’Annunziata non è una cosa volgare

9
Ci rugnu 'n vasuni e ci sucu i vuredda
Gli do un bacio e mi succhio le budella

10
'N cuoppu n'accattu, 'n cuoppu ni manciu, 'n cuoppu ni jettu
Una misura ne compro, una misura ne mangio e una misura ne butto

11
Haiu 'na palla ccu setti pirtusa, menza liscia e menza pilusa
Ho una palla con sette buchi, metà liscia e metà pelosa

12
U tirrinu u viri e u cielu no
Il terreno lo vede ed il cielo no

13
Spara 'nterra e cogghi u nasu
Spara a terra e colpisce il naso

14
Reci tienunu e unu caca
Dieci tengono e uno caga

15
Cala arrirriennu e acciana cianciennu
Scende sorridendo e sale piangendo

16
Sugnu ridduttu ccu la pedi e l'ossa, sugnu appujatu nta 'ntintu vastuni, nta' l'ummiernu mi tirunu l'ossa e nta' 'stati mi jettunu a 'gnuni
Sono ridotto pelle e ossa, sono appoggiato ad un vecchio bastone; in inverno mi tirano le ossa e in estate mi buttano in un angolo

17
Ri ravanti m'accurza e ri rarrieri m'allonca
Davanti mi accorcia e dietro mi allunga

18
Sugnu misa all'acqua e ò vientu, tutti ciamu e iu nun sientu, ucca ranni e labbru stuortu, ciamu ò vivu e cianciu u muortu
Sono soggetta all’acqua e al vento, chiamo tutti ma io non ci sento, bocca grande e labbro storto, chiamo il vivo e piango il morto

19
Signura o signurina quantu siti malantrina, quannu veni 'a vostra festa 'n ciuovu 'nculu e fuocu 'ntesta
Signora o signorina quanto siete malandrina, quando viene la vostra festa un chiodo nel sedere e fuoco in testa

20
Cu è ca u fa u fa ppi vinniri; cu è ca u 'ccatta nun ci servi; cu ccè dintra nun lu talia
Chi lo fa, lo fa per vendere; chi lo compra non gli serve; chi c’è dentro non lo guarda

21
Trasi tisa tisa e nesci moda moda
Entra dura dura ed esce molla molla

22
U baruni 'i Ronnafuata nn'avia menza e l'avia mucata; ogni tantu sa battia, chida mucata cci caria
Il barone di Donnafugata ne aveva mezza e l’aveva avariata; ogni tanto la sbatteva e quella avariata gli cadeva

23
Haju cientu vuoi nta n'un cianu e tutti cientu sunu diffirienti, ma se ppi ccasu cci ni manca unu tutti l'autri nun puonu fari nenti
Ho cento buoi in uno spiazzale e tutti e cento sono diversi ma se per caso ne manca uno tutti gli altri non possono fare niente

24
Senza rienti nun servi
Senza denti non serve

25
Qual è ddu cacciaturi ca porta a caccia viva?
Chi è quel cacciatore che porta la preda viva?

26
U patri è scruoppu, 'a mamma è spina e 'a figghia è reggina
Il padre è un fusto, la mamma è una spina e la figlia è una regina

27
Sutta 'a favira rà cammisa haju 'na cosa lonca e tisa
Sotto il colletto della camicia ho

28
Testa 'nterra e pieri all'aria
Testa a terra e piedi all’aria

29
Agghiu li cianchi pittati e quattru para ri pinnienti, mi rununu lignati pp'addivertiri a gghienti
Ho i fianchi colorati e quattro paia di orecchini, mi danno botte per divertire le persone

30
Agghiu 'ncanuzzu ca si ciama Cola, se viri porti apierti, si cci anfila
Ho un cagnetto che si chiama Cola, se vede porte aperte, vi entra

31
Agghiu 'ncanuzzu ca si ciama Pipidu, cci spinciu a curida e cci vasu u culidu
Ho un cagnetto che si chiama Pipidu, ci alzo la codina e ci bacio il sederino

32
Cchi sapi aruci chidu ammienzu l'anchi, i maritati ll'hanu, e i schietti nenti…, i primi botti si rununu tranti, e l'autri lienti lienti
Come è dolce quello in mezzo alle gambe, gli sposati ce l’hanno, e quelli non sposati no… i primi colpi si danno forte e gli altri lenti lenti

33
Ri viva è frida, ri morta è caura; e dduna latti senza aviri minni
Da viva è fredda, da morta è calda; e dà latte senza avere seno

34
Haju 'na cosa quantu 'nparmu ccà testa russa e và sculannu
Ho una cosa quanto un palmo con la testa rossa e va colando

35
Ciattulida ciattulida quattru pieri e 'na curida
Piatta piatta quattro zampe ed una codina

36
Passai ri 'na putia, cchi ciauru ca sintia, mi vutai e mi gghiriai, carzaratu mi truvai
Sono passato da una bottega, che profumo che sentivo! mi girai e rigirai carcerato mi trovai

37
'A sira cci lassu e a matina nun ni truovu
La sera le lascio lì e la mattina non le trovo

38
C'è 'na cosa comu n'arancia: 'a mannu 'n Francia, 'a mannu 'n Turchia, ma eni sempri ccu mmia
C’è un cosa come un’arancia: la mando in Francia, la mando in Turchia, ma è sempre con me

39
Haju 'n palazzu ccu durici porti, ogni porta ccu trenta firmaturi, ogni firmatura ccu vintiquattru ciova
Ho un palazzo con dodici porte, ogni porta con trenta fermature, ogni fermatura con ventiquattro chiodi

40
Tunnulidu tunnulidu tuttu natichi e pizzidu
Rotondo rotondo tutto natiche e sporgenza

41
Taratatà taratatà  arriva 'n ciazza e canta
Taratatà taratatà  arriva in piazza e canta

42
Ventri ccu ventri e 'na manu supra sempri 'na manu supra e una jusu ca cci rasca lu pirtusu
Ventre con ventre ed una mano sempre sopra una mano sopra ed una sotto che ci gratta il buco

43
Cincu ricotti nta 'na cavagna
Cinque ricotte in una cavagna

44
A tutti banni signura mi purtati ma ntò liettu ccu mia nun mi vuliti
Signora mi portate dappertutto ma nel letto con me non ci volete stare

45
U cruoccu appisu 'a carni
Il gancio appeso alla carne

46
Pila ccu pila s'ancucciunu 'a notti
Peli con peli si toccano la notte

47
Cc'è 'na signurina vistuta ri carta vilina quannu u zitu si la vasa va cariennu casa casa
C’è una signorina vestita di carta velina quando il fidanzato se la bacia va cadendo casa casa

48
È cciù aruci rò meli e nun si mancia
E’ più dolce del miele e non si mangia

49
Penza e ratapenza beni 'a sogghira ri tò muggheri 'a tò frati cchi cci veni?
Pensa e ripensa bene la suocera di tua moglie a tuo fratello che gli viene?

50
Ti vasu e ti rivasu; l'ultimu vasuni ca ti rugnu è quannu muori
Ti bacio e ti ribacio; l’ultimo bacio che ti do è quando muori

51
'A matina camina ccu quattru pieri, 'o manzuornu ccu ddu' pieri, 'a sira camina ccu tri pieri
La mattina cammina con quattro piedi, il mezzogiorno con due piedi, la sera con tre piedi

52
O viecciu ca ciciuliava ammienzu i cosci ci pinnuliava
Al vecchio che parlava a bassa voce gli pendeva fra le cosce

53
Cincu mastri, reci maistri: ri supra s'accumenza e ri sutta si finisci
Cinque mastri, dieci maestri; di sopra si incomincia e di sotto si finisce

54
Curriti curriti Sacristanu ca nasciu 'npicciriddu senza manu, senza pieri, senza 'npilu ri capiddi
Correte correte sagrestano che è nato un bambino senza mani, senza piedi, senza un pelo di capelli

55
Ru' lucienti, ru' puncienti quattru zuocculi e 'na scupa
Due lucenti, due pungenti, quattro zoccoli ed una scopa

56
Ogni gghiuornu all'ammucciuni fazzu visita nt'all'uortu, lassu ddà lu cavigghiuni, lu pirtusu mi lu puortu
Ogni giorno di nascosto faccio visita dentro l’orto, lascio lì il cavicchio, il buco me lo porto

57
Haju 'na cosa quantu 'n cuoppu quattru manichi e 'nu ruppu
Ho una cosa quanto un coppo quattro manici e un nodo

58
Haju 'na varca vistuta ri biancu ca camina senz'acqua e senza vientu, l'armali ca stà ffora va cantannu, l'armali ca stà dintra va rririennu
Ho una barca vestita di bianco che cammina senz’acqua e senza vento, l’animale che sta fuori va cantando, l’animale che sta dentro va ridendo

59
Qual è dd'armali ca havi l'uocci ntà cura?
Qual è quell’animale che ha gli occhi nella coda?

60
Cu u fa, l'ha 'ffari arrieri. Cu nun lu fa, s'u trova fattu
Chi lo fa, lo deve rifare. Chi non lo fa, se lo trova fatto

61
Passu ri 'na vanedda lonca e stritta c'erunu tricientu muratura  facieunu 'na maramma tantu fitta  ca mancu a po' pittari nu' pitturi
Passo da una stradina lunga e stretta  c’erano trecento muratori  facevano una muratura tanto fitta  che neanche un pittore può dipingere

62
C'è na ronna ccu 7 vistini bianchi ca fa cianciri a cu la tocca
C'è una donna con 7 vesti bianche che fa piangere chi la tocca

63
U tribbuolu ri acqua, a pignata ri lignu, a carni ca è ri rintra va parrannu
Il treppiedi di acqua, la pentola di legno, la carne che c'è dentro parla

64
Sugnu morta e paru 'n vita, ma ppi ttia nun muoru mai o c'è luttu o c'è zita taliu e nun parru mai
Sono morta e sembro viva ma per te non muoio mai o c'è lutto o c'è sposa guardo e non parlo mai

65
A zzà Cicca si cuccau, u zzù Ciccu c'ancravaccau, menza carni c'anfilau
La zia Francesca si è coricata, lo zio Francesco gli si è messo sopra, mezza carne le ha infilato

66
C'è na veccia ccu nu renti ca fa arrancari tanta 'gghenti
C'è una vecchia con un dente che fa avvicinare tanta gente

67
Iaiu tanti frati tutti uniti, i tiegnu 'nta na cammira sirrati; que ca i voli virriri puliti a corona ra testa c'ha luari
Ho tanti fratelli tutti uniti li tengo serrati in una camera chi li vuole vedere puliti ci deve togliere la corona dalla testa

68
Cinqu li mastri e deci li maistri ri 'ncapu s'accumenza e ri sutta si finisci
Cinque i manovali e dieci i maestri di sopra s'inizia e di sotto si finisce

69
Sugnu risulutu ri tagghiarammilla: cinqu ci vuonu ppi sirralla e cinqu ci vuonu ppi tinilla e mi scantu ca mi cari 'nterra
Sono deciso di tagliarmela: cinque ci vogliono per segarla e cinque ci vogliono per tenerla ed ho paura che mi caschi per terra

70
Si viri ma nun si tocca
Si vede ma non si tocca

71 - Per gentile concessione di Vincenzo Messina di Nova Milanese (MB)
Longa lunghetta la me ciarametta, la votu ‘nta llaria e focu mi jetta
E' lunga e si prolunga la mia avancarica, la punto in aria e getta fuoco

72 - Per gentile concessione di Gianni Arestia
Cientu nira, cientu ova, cientu para ri linzola   
Cento nidi, cento uova, cento paia di lenzuola

73 - Per gentile concessione di Emanuela Diquattro
Bella ri virriri, cara ri cumprari, cina ri carni lassatila stari  
Bella da vedere, cara da comprare, piena di carne lasciatela stare

74
Caminannu caminannu ma vaiu tuccannu   
Camminando camminando me la vo toccando

75
Rarrieri m'allonca, ravanti m'accuzza   
Dietro mi si allunga, davanti mi si accorcia

76
O iuornu si talienu e a notti si vasunu  
Di giorno si guardano e di notte si baciano

77
Iaiu n'aranciu bedu tunnu, prima u spicciu e puoi u munnu, iavi spicci e fogghi assai, ti lu ricu e nun lu sai
Ho un'arancia bella rotonda, prima la spicchio e poi la pulisco, ha molti spicchi e molte foglie, te lo dico ma non lo sai

78
Chi siti ggiarna cummari mia, chi cciaviti na malattia? Se bbi curcati n'ura ccu mmia, bbi fazzu passari ssa malattia
Come siete pallida comare mia, per caso avete qualche malattia? Se vi coricate un'ora con me, vi faccio passare quella malattia

79
Cci sunu 'ntuoccu ri purcidduzzi, quannu piscinu, piscinu tutti  
C'è un gruppo di porcellini, quando pisciano, pisciano tutti insieme

80
Iavi li corna e voi nunn'è, pitta li mura e pitturi nunn'è   
Ha le corna ma non è un bue, dipinge i muri ma non è imbianchino

81
Signura e signurina quantu pisati, tutti 'ncuodu a vui sunu ittati, a festa e o fistinu mi cci purtati, ma o liettu ccu vui nun mi ci vuliti
Signora e signorina quanto pesate, tutti addosso a voi sono buttati, alle feste ed ai festini mi ci portate, ma nel letto con voi non mi volete

82
A cali rura e a niesci moda  
La metti dura e la esci molle

83
Tutti i fimmini l'anu, cu l'avi ruttu e cu l'avi sanu, cu l'avi lurdu e cu l'avi pulitu, ogni tantu ci mettunu u itu
Tutte le donne ce l'hanno, chi ce l'ha rotto e chi ce l'ha intero, chi ce l'ha sporco e chi ce l'ha pulito, ogni tanto ci mettono il dito

84
N'ancarcateda, rui n'carcatedi, tri n'carcatedi, finu a quannu trasi cuoriu, pilu e pedi
Un colpettino, due colpettini, tre colpettini, fino a quando entra cuoio, pelo e piede

85
Iaiu 'na cosa caddozza caddozza, cu 'nuocciu 'nta frunti e 'nautru rarrieri, quannu u tuoccu m'allonca e m'accuzza, è u spassu re cavaleri
Ho una cosa fatta a pezzetti a pezzetti, con un occhio in fronte e un altro dietro, quando la tocco mi allunga e mi accorcia, è lo spasso dei cavalieri

86
U monucu ri Mineu sa tagghiau e sa friiu, puoi ci passi picca e si ni taghiau 'nautru tanticchia, puoi si cciabbruciau e ancora si ni tagghiau
Il monaco di Mineo se l'è tagliata e se l'è fritta, poi gli sembrò poca e se ne tagliò un altro po', poi gli si bruciò e se ne tagliò ancora

87
Trasi trasiennu, ficca ficcannu, trasi 'dda cosa, puoi s'arriposa
Entra entrando, ficca ficcando, entra quella cosa, poi si riposa

88
Se iu viegnu rintra i tia, tu la metti 'nculu a mia, se tu vieni rintra i mia, iu la mettu 'nculu a tia
Se io vengo da te, tu la metti in culo a me, se tu vieni da me, io la metto in culo a te

89
Iaiu 'na cosa quantu 'nparmu, quannu a fimmina a tasta e a gusta, a finuta ci scula a testa
Ho una cosa quanto un palmo, quando la donna l'assaggia e la gusta, alla fine ci cola la testa         

90
O scuru o scuru mo stricu 'nto muru
Al buio lo strofino nel muro

91 - Per gentile concessione di Angelo Leggio
Na veccia ccu nu renti fa arrancari tanta genti
Una vecchia con un dente fa avvicinare tanta gente

92 - Per gentile concessione di Livio Baglieri
Sutta o liettu ri ma nanna c'è na cosa tunna tunna, quannu a vaiu pi tuccari mi voli muzzicari
Sotto il letto di mia nonna c'è una cosa tonda tonda, quando vado per toccarla mi vuole mordere

93
Sugnu 'na nica dunzedda, a nudu paru bedda, passu u mari senza navi, passu munti senza scali, mangiu a tavula cco re, anzerta cchiè
Sono una piccola donzella, a nessuno sembro bella,oltrepasso il mare senza navi, oltrepasso i monti senza scale, mangio a tavola con il re, indovina cos'è

94
Tunnu tunnu muttaru senza funnu, 'ntavula ro re, 'nsirtatimi cchiè
Rotondo rotondo, mortaio senza fondo, a tavola del re, indovina cos'è

95
Aiu 'na varca ca sempri abballa, sia co' vientu sia senza vientu, cu è ri rintra sempri cianci e grida, cu è ri fora sempri canta e sona
Ho una barca  che sempre balla, sia se c'è vento sia se non c'è vento, chi vi sta dentro sempre piange e grida, chi sta fuori sempre canta e suona

96
Ri notti è cinu, ri iuornu è vacanti
Di notte è pieno, di giorno è vuoto

97
Ri iuornu è cina, ri notti è vacanti
Di giorno è piena, di notte è vuota

98
Uommini e fimmini a puonu fari, uommini e uommini a puonu fari, fimmini e fimmini nunn'a puonu fari
Uomini e donne la possono fare, uomini e uomini la possono fare, donne e donne non la possono fare

99
Oh gna Pudda chi faciti? Chi darreri mi la mittiti? Pi l'amuri di li Santi, no darreri, ma ravanti!
Oh donna Pudda che fate? Che dietro me la mettete? Per amor dei Santi, non di dietro, ma davanti!

100
Iavi quattru uocci e quaranta ugna
Ha quattro occhi e quaranta unghie

101
Trentasiei a peri e quattru a cavadu
Trentasei a piedi e quattro a cavallo

102
Nivuru nivuru comu 'ntizzuni, assittatu comu 'nminchiuni, ma si fa cuntari tuttu ra genti
Nero nero come il carbone, seduto come un minchione, ma si fa raccontare tutto dalle persone

103
Sia ri iuornu ca ri notti, sia a lu lustru ca a lu scuru, cu li spadi sempri a muru, puru fermu gira 'ntunnu
Sia di giorno che di notte, sia ciol sole che col buio, con le spalle sempre al muro, anche fermo gira in cerchio

104
Spuntunu comu a li funci quannu u Signuri cianci
Spuntano come i funghi quando il Signore piange

105
Se u 'spietti veni sempri ma quannu si ni va nun meni acciù
Se lo aspetti sempre viene, ma quando se ne va non viene più

106
U scrivi 'nta na carta o fai 'nu ruppu o fazzulettu, se nun ti fai fidili c'appizzi lu rispiettu
Lo scrivi in un pezzo di carta o fai un nodo al fazzoletto, ma se non vi sei fedele ci perdi il rispetto

107
Oh chi ciauru ri tumazzu! Oh chi ciauru ri stufatu! Vaiu lestu pi manciari e mi truovu carciratu
Oh che profumo di formaggio! Oh che profumo di stufato! Vado lesto per mangiare e mi trovo imprigionato

108
Sugnu frida ri natura, ma maritu mi caurìa. A la notti m'abbannuna, ma lu jornu sta cu mia
Sono fredda di natura, mio marito mi riscalda. La notte mi abbandona, ma di giorno sta con me

109
Siemu ru suoru e c'aviemu 'npatruni, sempri cu idu stamu s'è sanu, ma se pi sorti è 'nto liettu u patruni, panzi vacanti e ristamu 'ntagnuni
Siamo due sorelle e abbiamo un padrone, stiamo sempre con lui se è sano, ma se per sfortuna è ammalato, pancia vuota e restiamo in un angolo

110
Ida m'arrirriu e iu ci la misi, se nun m'arrirria iu nun ci la mittia
Lei mi ha sorriso ed io gliela misi, se non mi sorrideva non gliela mettevo

111
A jettu ra muntagna e nun si rumpi, a jettu 'ntall'acqua e si rumpi
La butto dalla montagna e non si rompe, la butto nell'acqua e si rompe

112
Iavi cuodu e nunn'avi testa, iavi urazza e nunn'avi manu, iavi panza e nunn'avi uddicu, iavi culu e nunn'avi pirtusu
Ha il collo e non ha la testa, ha le braccia e non ha le mani, ha la pancia e non ha ombelico, ha il culo e non ha il buco

113
U viscuvu ri Milanu notti e jiuornu l'avi 'nmanu
Il vescovo di Milano notte e giorno ce l'ha in mano

114
Aiu 'npirtusu ma fazzu tanti pirtusa
Ho un buco ma faccio tanti buchi

115
Quannu è ciù cauru è cciù friscu
Quando è più caldo è più fresco

116
Ianu 'na bedda qualità: piaciunu a tutti li pirsuni. Ora cà, ora ddà, canciunu sempri patruna
Hanno una ottima qualità: piacciono a tutte le persone. Ora quà, ora là, cambiano sempre padrone

117
Nasci cu li corna, campa senza corna, mori cu li corna
Nasce con le corna, campa senza corna, muore con le corna

118
Se nun mi muovu sugnu fimmina, se mi muovu sugnu masculu
Se non mi muovo sono femmina, se mi muovo sono maschio

119
Bongiornu, è capurannu, sugnu chidu ri ogghellannu, vi la suonu puru avannu?
Buongiorno, è capodanno, sono quello dell'anno scorso, ve la suono anche quest'anno?

120
Senza arte né cultura fa ritratti tali e quali a la natura
Senza arte nè cultura fa ritratti tali e quali alla natura

121
L'abbrazzu, l'accarizzu e li pizzichi ci fazzu. Ida cuntu a mia mi runa e iu ci cantu la canzuna
L'abbraccio, l'accarezzo e le do dei pizzicotti. Lei mi dà conto ed io le canto la canzone

122
Iu viegniu ri Messina e puortu robba fina, all'uommini si c'ammuscia e fimmini si c'anfila
Io vengo da Messina, e porto roba fine, agli uomini si ci mostra ed alle donne glielo si infila

123
Berlusconi l'avi luoncu, Fini l'avi curtu, u Papa l'avi ma nun lu usa, u zitu lu prumetti, to maritu ti lu metti
Berlusconi ce l'ha lungo, Fini ce l'ha corto, il Papa ce l'ha ma non lo usa, il fidanzato lo promette, tuo marito te lo mette

124
Iavi l'ali e nunn'è aceddu, nunn'avi ossa u puvirieddu, sona a trumma e nunn'è trummitteri, leva sangu e nunn'è varberi
Ha le ali e non è uccello, non ha ossa il poveretto, suona la tromba e non è trombettiere, leva sangue e non è barbiere

125
'Nterra nasci, 'nterra pasci, fa lu fruttu e nun fiurisci
Nasce in terra, pasce in terra, fa il frutto e non fiorisce

126
Biancu cavaddu, russu cavaleri, cincu ca lu vanu a seppelliri
Bianco cavallo, rosso cavaliere, cinque che lo vanno a seppellire

127
Mancia cu la panza e caca cu li spadi
Mangia con la pancia e caga con le spalle

128
'Ncampagna fu ammazzata 'na regina 'nti 'na casina tutta martillata, u sangu ci curriva a vina a vina pi ghessiri ri l'omu scappisata
In campagna fu uccisa una regina in una casa tutta martellata, il sangue le scorreva dalle vene per essere pestata dall'uomo

129
Intra 'ncammarinu c'è 'nsignurino vistutu ri biancu e cu la manu o sciancu
Dentro un camerino c'è un signorino vestito di bianco e con la mano al fianco

130
Iaiu 'na cosa cristallina, nun ci 'nnè 'nti li iardina, nunn'è cosa siminata, pigghia e minti 'nti la pignata
Ho una cosa cristallina, non ce n'è nei giardini, non è una cosa seminata, prendi e metti in pentola

131
Sugnu picciriddu e quatratu, prima ca partu vuogghiu essiri vasatu
Sono piccolino e quadrato, prima che parto voglio essere baciato

132
Va gghiennu a tanti banni senza caminari
Va in tanti posti senza camminare

133
Fimmina sugnu e fimmina mi fazzu, fimmina fu ma matri ca mi fici, intra li fossa scuri staiu curcata pi dari gustu a cu campa filici, e se di lu suli sugnu taliata curru quantu ma matri ca mi fici
Sono femmina e femmina mi faccio, femmina è stata mia mamma che mi ha fatto, sto coricata dentro una fossa scura per dar gusto a chi campa felice, e se sono guardata dal sole corro quanto mia madre che mi ha fatto

134
Cu l'uocci mancia carni e ca ucca mancia pezzi
Con gli occhi mangia carne e con la bocca mangia stoffa

135
I mo bianchi cosci e i to' bianchi e lisci, si iunciunu cosci cu cosci e comu finisci finisci
Le mie bianche cosce e le tue bianche e lisce, si uniscono cosce con cosce e come finisce finisce

136
C'è 'na cosa longa e tisa, puru i muorti a vuonu misa
C'è una cosa lunga e dritta, anche i morti la vogliono essere messa

137
Ci sunu vinti frati ri diversa statura, reci su ammucciati e deci a vista, tutti sunu nati insiemi alla stessa ura
Ci sono venti fratelli di diversa statura, dieci sono nascosti e dieci sono a vista, tutti sono nati insieme nello stesso momento

138
U re l'avi ruossu, u Papa l'avi ciù ruossu, ma a regina ciancia picchì cciù ruossu lu vulia
Il re ce l'ha grosso, il Papa ce l'ha più grosso, ma la regina piangeva perchè lo voleva ancora più grosso

139
C'era 'nu ru pieri c'avia 'manu 'nperi, s'assittau 'nta nu tri pieri, vinni nu quattru pieri ca vulia u peri, u ru pieri si susiu e ci ittau u tri pieri
C'era un due piedi che aveva in mano un piede, si sedette su un tre piedi, venne un quattro piedi che voleva il piede, il due piedi si alzò e gli lanciò il tre piedi

140
Sugnu luoncu e sugnu tunnu, sugnu muortu e spirtusatu, ma risuscitu e rispunnu se mi runi lu to' sciatu
Sono lungo e sono rotondo, sono morto e bucherellato, ma resuscito e rispondo se mi dai il tuo fiato

141
Quannu è fridu è addumatu e quannu è cauru è stutatu
Quando è freddo è acceso, quando è caldo è spento

142
Rui a tienunu e iu ma godu, ma a ida assai c'abbruscia
Due la tengono e io me la godo, ma a lei molto le brucia

143 - Per gentile concessione di Angela Faia
Oggellanno mi fu patri, avannu mi fu figghiu, e stu figghiu ca nutricavu è maritu ri me matri
L'anno scorso mi fu padre, quest'anno mi è stato figlio, e questo figlio che ho nutrito è marito di mia madre

144
A lu jornu va camminannu e a la sira resta cu  'a vucca aperta
Il giorno va camminando e la sera resta a bocca aperta

145
Abbacu, abbacu, quantu si' pulitu! Binidittu nunn'è chi t'ha criatu e cu si fida di tia resta 'ngannatu
Abbaco, abbaco, quanto sei pulito! Benedetto non è chi ti ha creato e chi si fida di te resta ingannato

146
Aiu 'na cammaredda firriata d'ossicedda: dintra c'è 'na munachedda
Ho una cameretta ferrata di ossicini: dentro c'è una monachella

147
Aiu 'na cosa a quattru peri, iu la tiru e si nni veni, si nni veni pi lu viddicu, abbisati si putiti
Ho una cosa con quattro piedi, io la tiro e se ne viene, se ne viene per l'ombelico, avvisate se potete

148
Aiu 'na cosa  di beddu culuri, tutti l'avemu e ci mittemu amuri
Ho una cosa di un bel colore, tutti l'abbiamo e ci mettiamo amore

149
Arvulu curtu ch''un si cci po' acchianari, prima fa lu fruttu e poi lu ciuri
Stelo corto che non si ci può salire, prima fa il frutto e poi il fiore

150
Russu russeddu n'a un cannistreddu, ni tiru unu e ni veni un munzeddu
Rossi rossi in un canestrino, ne tiri uno e ne vengono un sacco

151
Quali donna è chi fa allungari li so' longhi trizzi e poi si vesti di li so' virdi lazzi e fa ‘na figghia di tanti biddizzi chi l'omini boni li fa divintari pazzi!?
Chi è quella donna che fa allungare le sue lunghe trecce e poi si veste con i suoi lacci verdi e fa una figlia così bella che fa impazzire anche gli uomini buoni?

152
C'è una stalla cu' tanti cavalli bianchi e unu russu na lu mezzu chi cunvinci a tutti
C'è una stalla con tanti cavalli bianchi ed uno rosso in mezzo che convince tutti

153
La mà signura ci l’havi pilusu, ddà ‘n mienzu c’è un bieddu pirtusu, quannu ci trasi la carni cruda uadi assai la mà signura
La mia signora ce l'ha peloso, nel mezzo c'ha un bel buco, quando vi entra la carne cruda gode assai la mia signora

154
Haiu un murtaru di petra fina ca pista e ripista la sò midicina, la pista e ripista ccussì fina ca a la pirsuna sustanza ci duna
Ho un mortaio di pietra fine che pesta e ripesta la sua medicina, la pesta e ripesta così sottile che alla persona gli dona sostanza

155
I’ lu vidu sempri, lu re rari voti, lu papa mai, Diu, cu la so ‘nniputenza, nun l’ha vistu e nun lu po’ vìdiri mai
Io lo vedo sempre, il re raramente, il papa mai, Dio, con la sua onnipotenza, non l'ha visto e non può vederlo mai

156
Dimmi cu’ prestu arriva chiù luntanu
Dimmi chi subito arriva più lontano

157
Quannu niesciu mi li puortu, a li festi mi li puortu, a ballari mi li puortu, ‘n capu lu liettu nun mi li puortu
Quando esco me le porto, alle feste me le porto, a ballare me le porto, sopra il letto non me le porto

158
Sidici e sidici trentadui, l’haiu i’ e l’aviti vui, e si vui nun l’aviti siti vecchia e vi ruditi
Sedici e sedici trentadue, ce l'ho io e ce l'avete voi, e se voi non ce l'avete siete vecchia e vi rodete

159
Tu l’hai, iu l’haiu, ma cuomu o miu nun lu puoi aviri
Tu ce l'hai, io ce l'ho, ma come il mio tu non lo puoi avere

160
‘N manu ci vanu ma nun si puonu cuntari
In mano ci vanno, ma non si possono contare

161
Vinni un monucu di fora regnu, cu tantu amuri e tantu sdegnu, si ‘un ci faciemmu la rivirenza ni leva lu cappieddu di priputenza
Venne un monaco da fuori zona, con tanto amore e tanto sdegno, se non gli facciamo la riverenza ci toglie il cappello con prepotenza

162
Du’ suruzzi pi amicizia si ni ieru a ballari e finita la giustizia si ni ieru a ripusari
Due sorelline per amicizia se ne sono andate a ballare e finita la giustizia se ne sono andate a riposare

163
Nunn'aiu vucca e parru, nunn'aiu piedi e caminu
Non ho bocca e parlo, non ho piedi e cammino

164
Aiu ‘na casa senza tettu, dintra c’è sirinità; quannu i’ ci fazzu lu tettu trona e lampi ‘n quantità
Ho una casa senza tetto, dentro c'è serenità, quando ci faccio il tetto tuoni e lampi in quantità

165
O su beddi o sunnu brutti vaju tuccannu 'u culu a tutti
O sono belli o sono brutti io tocco il culo a tutti

166
La mo 'nnamurata veni sula senza ciamata; iu ciaiu rittu: "Chi si sfacciata, fammi arripusari almenu n'ura!"
La mia innamorata viene da sola senza essere chiamata; io gliel'ho detto: "Che sei sfacciata, fammi riposare almeno un'ora"

167
O co pilu o senza pilu rapi i cosci chi ta 'nfilu!
O col pelo, o senza pelo, apri le cosce che te la infilo!

168
Stu 'ndovinellu è cosa 'e pazzi, se 'nculu ti la mettu tu mi rici grazii
Questo indovinello è cosa da pazzi, se te la metto in culo mi dici grazie

169
'Nfilannu, 'nfilannu, furriannu furriannu, fa 'dda cosa e puoi s'arriposa
Infilando, infilando, girando, girando, fa quella cosa e poi si riposa

170
'Ncapu pilu, sutta pilu, 'nmezzu c'è lu mariuolu
Sopra pelo, sotto pelo, nel mezzo ci sta il furbo

171
Nunn'è 'mpiraturi e porta la curuna, nunn'è cavaleri e porta lu spiruni, nunn'è monucu e canta la matina, si l'anzierti si 'na vera 'nduvina
Non è imperatore e porta la corona, non è cavaliere e porta lo sperone, non è monaco e la mattina canta, se l'indovini sei una vera indovina

172
C'è 'na scatula di rubini, sunu russi e sunu fini, sunu tutti ri 'nculuri, cu anserta è gran dutturi
C'è una scatola di rubini, sono rossi e sono fini, sono tutti di un colore, chi indovina è un gran dottore

173
A veccia si calau e u parrinu c'anfilau
La vecchia si è abbassata ed il prete gliel'ha infilata

174
Scinnì 'nta lu iardinu, ci truvai 'nsignurinu, ci sbuttunai lu 'nnappuni, mi nisciu lu sausizzuni
Sono sceso nel giardino, vi ho trovato un signorino, gli ho sbottonato la patta ed è uscito il salsiccione

175
Sugnu fridu ri natura ma a la donna fazzu beni, se m'acchiana la calura fazzu chiddu chi cunveni
Sono freddo di natura ma alla donna faccio bene, se mi sale la calura faccio ciò che conviene

176
Supra pilu, sutta pilu, 'isa a jamma ca ta'nfilu
Sopra pelo, sotto pelo, alza la gamba che te la infilo

177
Virdi nasci, niuru crisci, russu campa, biancu finisci
Nasce verde, cresce nero, campa rosso e finisce bianco

178
T'anfilu 'nto culu, ta trasu 'nta ucca, t'azziccu 'nte scidi, ta mettu 'nte manu, e quannu cauriu ma viru isari, ma se c'è friddu ma viru calari
Te la infilo nel culo, te la metto in bocca, te l'azzicco nelle ascelle, te la metto nelle mani, e quando mi riscaldo me la vedo alzare, ma se c'è freddo me la vedo abbassare

179
C'è 'nu viecciu cu la barba bianca, sempri si movi e mai si stanca
C'è un vecchio con la barba bianca, sempre si muove e mai si stanca

180
C'è 'ncannisciu di rosi e di sciuri, a notti si rapi e o juornu si ciuri
C'è un canestro di rose e di fiori, la notte si apre e il giorno si chiude

181
Vivi acqua e piscia vinu
Beve acqua e piscia vino

182
Avi la barba la mischinedda, puoi si marita e fa la ricuttedda
Ha la barba la poveretta, poi si marita e fa la ricottina

183
Ti saluta ri luntanu
Ti saluta da lontano

184
U figghiu 'ngratu vastunia a so' mà
Il figlio ingrato dà botte a sua mamma

185
Si currumpi e torna sanu
Si rompe e torna intero

186
Va a sunari ri matina
Va a suonare di mattina

187
A lu suli arrimodda e all'acqua si fa tisa
Col sole diventa molle, e con l'acqua si fa dura

188
Etta li spaddi a lu chianu
Dà le spalle al terreno

189
Què ddu stuortu ca tagghia i iammi e ritti?
Chi è quello storto che taglia le gambe ai dritti?

190
Manna fuocu ri continuo
Manda fuoco di continuo

191
Sugnu sicca, lonca e bedda, iaiu 'ntesta 'na fiammedda, brillu sempre e nunn'aiu fumu, ma a picca a picca mi cunsumu
Sono magra, alta e bella, ho in testa una fiammella, brillo sempre e non faccio fumo, ma piano piano mi consumo

192
Luci comu juornu ciaru
Fa luce come se fosse pieno giorno

193
Ri spini sugnu 'ncurunatu, battutu e sfracillatu, nun sugnu omu e mancu Diu, ma se viegnu all'essiri miu, addivientu veru Diu
Sono incoronato di spine, battuto e sfracellato, non sono uomo e neanche Dio, ma se le cose vanno bene divento vero Dio

194
Lu culu 'nti la petra, la facci 'nta lu culu e li manu 'nti li minni
Il culo sulla pietra, la faccia nel culo e le mani nelle tette

195
Iu e tia n'aviemu tanti e si viri giornalmenti, n'anu picca li regnanti anche se sunu putienti, n'anu assai l'angili e i santi, sulu Diu nunn'avi nenti
Io e te ne abbiamo tanti e si vede giornalmente, ne hanno pochi i regnanti anche se sono potenti, ne hanno molti angeli e santi, solo Dio non ne ha per niente

196
Qual è dda cosa ca juornu e notti mai s'arriposa?
Qual è quella cosa che nè giorno nè notte mai si riposa?

197
A li giuvini galanti talia e ci sta davanti, cu la so' bedda ducizza sempri tocca e accarizza
Guarda e sta davanti ai giovani galanti, con la sua bella dolcezza sempre tocca ed accarezza

198
Rintra 'na rutticedda c'è 'na cammaredda, cina ri sigghiteddi e 'nto mienzu c'è 'na munachedda
Dentro una grotticina c'è una cameretta piena di sedioline e nel mezzo c'è una monachina

199
'Ntall'acqua nasci, 'ntall'acqua crisci, viriennu l'acqua iddu sparisci
Nell'acqua nasce, nell'acqua cresce, vedendo l'acqua sparisce

200
Oh chi cosi mamma mia! Prima iu stava rintra lu patruni, ora lu patruni stapi rintra ri mia!
Oh che cose mamma mia! Prima io stavo dentro il mio padrone, ora il mio padrone sta dentro di me!

201
Siemu ru' suoru e cciaviemu 'npatruni, sempri cu idu stamu s'è sanu, ma se pi sorti è a liettu u patruni, panzi vacanti e arristamu 'nt'agnuni
Siamo due sorelle e abbiamo un padrone, stiamo sempre con lui se non è ammalato, ma se per sfortuna il padrone è a letto, pancia vuota e restiamo in un angolo

202
Lu sagristanu di la chiesa matrici sona li campani quannu tu lu dici, è 'nu ragionieri puntuali e perfettu ca t'assicuta quannu si a liettu
Il sagrestano della chiesa madre suona le campane quando lo dici tu, è un ragioniere puntuale e perfetto che ti insegue quando sei a letto

203
Se l'aspietti sempri veni, ma puoi quannu si'nni và ri sicuru nun veni cchiù
Se l'aspetti viene sempre, ma poi quando se ne va è sicuro che non viene più

204
Lu bustu ri lignu, la panza ri pedi, e va cantannu vanedi vanedi
Il busto di legno, la pancia di pelle, e va cantando stradine stradine

205
So' patri nun c'era e mancu so' nannu e quannu si maritau nunn'avia mancu n'annu
Suo padre non c'era e neanche suo nonno e quando si è maritata non aveva neanche un anno

206
Sbocciunu comu a li funci quannu u Signuri cianci
Sbocciano come i funghi quando il Signore piange

207
Li cimi di sutta e lu zuccu di supra
Le cime di sotto e il tronco di sopra

208
Anserta cu è ca ci vota u culu o re
Indovina chi volta le spalle al re

209
Quannu iddu veni, idda si ni va; quannu veni idda, idu si ni va
Quando lui viene, lei se ne va; quando viene lei, lui se ne va

210
Cu mancia l'avi a fari, cu vivi l'avi a fari, e sempre l'avi a fari cu voli assai campari
Chi mangia deve farlo, chi beve deve farlo, e sempre deve farlo chi vuole vivere a lungo

211
Iu nuru e tu 'ncammisa, a mia m'avvampa e a tia t'attisa
Io nudo e tu in camicia, a me avvampa e a te diventa tesa

212
Iancu tirrinu, nivira simenza, l'uomu ca simina sempri pensa
Bianco è il terreno, nera è la  semenza, l'uomo che semina sempre pensa

213
Rui zucca, cientu pampini e na rosa
Due tronchi, cento foglie e una rosa

214
Vi ricu chistu sulu e mi ni vaiu, quantu ciù ni pierdu ciù magnu naiu
Vi dico questo soltanto e me ne vado, quanto più ne perdo ancor di più ne ho

215
Tunnu tunniddu, né pittusu né purtieddu
Tondo tondo, nè buco nè ingresso

216
A mamma era ianca, a figghia era nivira, tanta era nivira a figghia ca fici, ca a figghia si manciau a mamma
La mamma era bianca, la figlia era nera, tanto era nera la figlia che aveva procreato, che la figlia si mangiò la mamma

217
Agghiu 'na cosa ca è quantu 'na fava, inci 'na casa e nesci fora
Ho una cosa che è quanto una fava, riempie una casa ed esce fuori

218
Agghiu ‘mpiattu ri mirimillicchi, nun su virdi e mancu sicchi, e 'na 'muoscu su ciantati, ansittatammilli pi caritati
Ho un piatto di "mirimillicchi", non sono acerbi e neanche secchi, e sono piantati in un bosco. Per carità indovinate cosa sono

219
A mamma ri chirichiddossa avi carni, avi pila e avi l’ossa; a figghia nun avi né carni, né pilu, nè ossa
La madre di "chirichiddossa" ha carne, ha peli e ha ossa; la figlia non ha nè carne, nè peli, nè ossa

220
Trentatri piezzi ‘ncatinati stanu, ‘ncatinati supra ‘nlignu forti, l'amici vanu e vienunu ri luntanu e unu sta in periculu ri morti
Trentatre pezzi sono incatenati sopra un legno duro, gli amici vanno e vengono da lontano e uno di loro è in pericolo di vita

221
Pinniculu pinnaculu pinnia, pilusieddu si ruria, se pinniculu pinnaculu nun pinnia, pilusieddu nun si ruria
"Pinniculu pinnaculu" pendeva e "Pelosetto" si rodeva, se "Pinniculu pinnaculu" non pendeva allora "Pelosetto" non si rodeva

222
Cu l’avi sana, cu l’avi menza, cu nun l’ha propria
Chi ce l'ha intera, chi ce l'ha mezza, chi non ce l'ha assolutamente

223
U re mannau na littra e la fimmina la porta, la vota e la rigira ma nun sapi socchi porta
Il re ha inviato una lettera e la donna la porta, la gira e la rigira, ma non sa ciò che porta

224
Vaiu e viegnu, vaiu e dugnu, se nun viengnu ne guai sugnu
Vado e vengo, vado e dò, se non vengo sono nei guai

225
C’è na povira fimminedda, ca camina na iurnata e la sira s’arricogghi tutta stanca e affaticata, ci levunu chiddu ca porta e la mettunu carzarata
C'è una povera donnina che cammina tutto il giorno e la sera rientra stanca e affaticata, le tolgono ciò che porta e la mettono carcerata

226
Quattru anchi e du urazza e vuonu siri purtati ‘mbrazza
Quattro gambe e due braccia e vogliono essere portati in braccio

227
Ravanti puntaruolu, rarrieri scuparina, ri sutta cuttuni, ri supra crauni
Davanti punteruolo, dietro scopino, sotto cotone, sopra carbone

228
A gna Maruzza prima so ratta e puoi so netta
Donna Maruzza prima se lo gratta e poi se lo pulisce

229
Cumpari chi prisciarola è vostra muggheri, ha pisciatu a ‘ntura e voli pisciari ancora
Compare, com'è frettolosa vostra moglie, ha pisciato poco fa e vuole pisciare ancora

230
Gna Itana gna Itana chi faciti duocu ‘ncianu, siti misa ‘nta ucca ra ghenti, faciti fumu e nun cuciti nenti
Donna Gaetana, donna Gaetana, che fate là fuori, siete nella bocca della gente, fate fumo e non cuocete niente

231
Avi cientu rienti e nun mangia mai
Ha cento denti e non mangia mai

232
A tiempu ri necessità c'anfilassuti a ta matri
In caso di bisogno lo infileresti pure a tua madre

233
U monucu ri Bologna setti parmi l’avia longa, si misi la cammisa, setti parmi l’avia tisa
Il monaco di Bologna ce l'ha lunga sette palmi, si mette la camicia e sette palmi ce l'ha tesa

234
Aiu 'na cosa lonca e liscia, n'a punta avi 'na spaccazzedda, va circannu cosi ianchi, pi lassarici a stizzidda
Ho una cosa lunga e liscia, in punta ha un taglietto, va cercando cose bianche per lasciarci una gocciolina

235
Supra ru fila ri ina c’è ma suoru ca camina
Su due file di avena selvatica c'è mia sorella che cammina

236
Cu ‘mpizzuddu ri carni crura s’arricria a criatura
Con un pezzetto di carne cruda si diletta la creatura

237
Aiu ru suoru nati no stessu iuornu, cu cordi e catini su attaccati, a alla tortura su cunnannati pi diri sempri a virità
Ho due sorelle nate nello stesso giorno, sono legate con corde e catene, sono condannate alla tortura per dire sempre la verità

238
Agghiu lu muortu rintra lu tabutu, spissu ci vaiu a tuppuliari, puoi ci fazzu na tomba ri fuocu o secula materna già finiu
Ho il morto dentro la bara, spesso ci vado a bussare, poi gli faccio una tomba di fuoco e al "secula materna" ha già finito

239
Agghiu quattru buttigghi cini, i miettu che ucchi ‘nterra ma nun si iettunu
Ho quattro bottiglie piene, le metto con le bocche verso terra ma non si svuotano

240
Agghiu na signurina sicculidda, cina ri taridda e carrunedda, se vuliti sapiri cu saluta a ridda, li ciauli, li curnaccia e li sturnedda
Ho una signorina magrolina, piena di ???, se volete sapere chi la saluta, corvi, cornacchie e storni

241
La vita mia si misura a uri, e sugnu utili sulu a lu scuru, se sugnu sicca vaiu veloci, se sugnu rossa sugnu ciù lenta e se c‘è vientu nemicu 'ddiventa
La vita si misura ad ore, e sono utile solo al buio, se sono magra vado veloce, se sono grossa sono più lenta e se c'è vento esso è mio nemico

242
A signurina cu l’anchi apietti, aspetta cu cia metti
La signorina con le gambe aperte aspetta che tu gliela infili

243
Liccu e pilliccu n'to culu ta ficcu, tantu pilliccai finu a quannu n'to culu t'anfilai
Lecco e rilecco in culo te la infilo, tanto ho leccato fino a quando in culo te l'ho infilato

244
Agghiu nu pignatieddu ri sancu, ci anficcu a manu e nun mi vagnu
Ho un pentolino di sangue, ci infilo la mano e non mi bagno

245
Na picciridda ca mancu avi misi, si va girannu tutti i paisi, quannu va e quannu torna a scazzidda mi fa i corna
Una bambina di neanche un mese, va girando tutti i paesi, quando va e quando torna la ruffiana mi fa le corna

246
Ri luntanu si viri, ri vicinu no
Da lontano si vede, da vicino no

247
A mienzu l’anchi ri to suoru, c’è na cosa ca si sa, veni unu ri luntanu, ci inci a panza e si ni và
In mezzo alle gambe di tua sorella c'è una cosa che si sa, viene uno da lontano, le riempie la pancia e se ne va

248
Arrivau mo frati Pitrieddu, senza burritta e senza cappieddu, u purtaru carzaratu, trasi asciuttu e nesci vagnatu
E' arrivato mio fratello Pitrieddu, senza copricapo e senza cappello, lo fecero prigioniero, entra asciutto ed esce bagnato

249 - Per gentile concessione di Livio Baglieri
Setti o ottu rintra o cappottu
Sette o otto dentro il cappotto

250
Mancia e nun s'addubba mai, nesci e nun s'arricogghi, mori e nun s'arrusbigghia ciu'
Mangia e non si sazia mai, esce e non rientra, muore e non si sveglia più

251
Rintra na rutta tutta cina ri buttani ci tiegnu a tia ca si a capa re ruffiani
Dentro una grotta piena di puttane ci tengo te che sei la capa dei ruffiani

252
U sinnucu ri Santacruci sa tagghiau e sa misi o luci, sa muggheri nun vulia, iddu cciu lonca sa facìa
Il sindaco di Santa Crose se l'è tagliata e l'ha buttata nel fuoco, sua moglie non voleva, lui se la faceva più lunga

253
La ronna ri sutta ioca e sciala e l'uominu ri supra si cunsuma
La donna di sotto gioca e si diverte e l'uomo di sopra si consuma

254
A sigura bleble' nun pigghia cafè, ha tanti figghi e maritu nun ha; avi a coruna e rigghina nun'è, ansittatimi chi cos'è
La signora "Bleblè" non prende caffè, ha tanti figli e non ha marito; ha la corona ma non è una regina, indovinate cos'è

255
A gna Paula ia e vinia, facia cruci e nun s'inni ia, a gna Paula tannu s'inni iu quannu vitti a grazzia ri Diu
Donna Paola andava e veniva, faceva il segno della croce e non se ne andava, donna Paola se n'è andato solo quando ha visto la grazia di Dio

256
Iu l’attaccu e iu a sciogghiu, idda si ni va e iu a ricuogghiu
Io la lego ed io la slego, lei se ne va ed io la riprendo

257
Cappieddu virdi, vesti paglina, rintra ci stapi na bedda signurina
Cappello verde, abito paglierino, dentro ci sta una bella signorina

Torna ai contenuti